App

WhatsApp diventa a pagamento: canone da 79 cent di euro

WhatsApp diventa a pagamento: canone da 79 cent di euro
Gianluca Simeone

La notizia era nell’aria da tempo ed ora è ufficiale. WhatsApp, la più famosa applicazione di messaggistica istantanea per dispositivi mobili multipiattaforma, diventerà a pagamento. Il costo del servizio sarà di 79 centesimi che dovranno essere pagati come canone annuale per poter utilizzare l’applicazione. Ed ovviamente, nonostante la cifra irrisoria, sul web e non solo è scattata la rivolta.Prima di tutto però è necessario fare una distinzione tra i diversi tipi di Sistemi Operativi che supportano questa applicazione multipiattaforma ed al relativo store dal quale è possibile scaricare l’applicazione.

Sui terminali Apple infatti WhatsApp può essere scaricata dall’Apple Store al prezzo di 89 centesimi di Euro, ed una volta scaricata non sarà necessario pagare nessun canone, visto che viene specificato che l’applicazione di messaggistica ha una validità illimitata sul terminale in cui è stata installata. Per tutti gli altri dispositivi con altri sistemi operativi (come Android per esempio) è possibile scaricare WhatsApp dai relativi store gratuitamente senza nessun tipo di costo. Al momento del download però viene precisato che l’applicazione potrà essere utilizzata per un periodo di prova di 12 mesi dovrà essere corrisposto un canone annuale di 79 centesimi per poter continuare ad utilizzarla.

WhatsApp è stato lanciato sui vari store online poco più di un anno fa, quindi agli utenti che l’hanno scaricato ed installato fin dalla sua nascita stanno iniziando ad arrivare i messaggi che annunciano la scadenza del periodo di prova gratuito. Ora per i milioni di utenti che fanno uso di WhatsApp si prospettano due soluzioni. Pagare la cifra irrisoria per poter continuare ad utilizzare questa applicazione che ha sotterrato quasi definitivamente i vecchi SMS, oppure passare ad una delle molte applicazioni gratuite ed alternatine a WhatsApp.

Su internet è scattata una vera e propria rivolta con gli utenti che si stanno mobilitando per cercare di non pagare il canone annuale dell’applicazione, con alcuni che lo hanno addirittura equiparato al canone RAI. In fin dei conti gli appena 79 centesimi l’anno sono una cifra irrisoria per un servizio del genere che ci permette di inviare messaggi illimitati della lunghezza che vogliamo, spedire ai nostri contatti foto e video, tutto senza il minimo accenno pubblicitario.

whatsapp-pagamento
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in App