Dal Mondo

USA: sparatoria in tribunale, due morti

USA: sparatoria in tribunale, due morti
Fulvio Guerci

Dal giorno dell’annuncio del presidente Barack Obama di voler vietare la vendita, se non in casi rari, delle cosiddette armi d’assalto, vale a dire di quei fucili che permettono di sparare un numero considerevole di colpi al minuto, negli USA il numero degli episodi di sangue finiti in tragedia sono drasticamente aumentati.

L’ultimo episodio di cronaca nera con cui l’America deve fare i conti oggi è avvenuto a Wilmington nello stato del Delaware dove un uomo ha aperto il fuoco subito dopo essere stato fermato da alcuni agenti per un normale controllo di sicurezza. In preda ad un raptus omicida il killer ha ucciso la moglie e un’altra persona sconosciuta prima di essere fatalmente colpito a morte dalla polizia.

Tutto questo non è accaduto nè per strada nè all’interno di un appartamento bensì, fatto clamoroso, nelle aule del tribunale della città che sorge nella contea di New Castle. Il duplice omicidio è avvenuto di prima mattina. L’uomo, recatosi in Tribunale per ultimare le pratiche di separazione della moglie, una volta fermato dai militari all’ingresso per i controlli di routine, ha imbracciato il fucile sparando senza un obiettivo preciso, se non la donna con cui era in contenzioso.

Prima di essere ucciso dal fuoco della Polizia il killer è riuscito nel suo intento di porre fine alla vita della moglie e di un innocente passante. Alcune persone sono rimaste ferite in maniera non grave mentre molti altri presenti sono stati ricoverati in stato di shock.

USA-killerUSA

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Dal Mondo