Dal Mondo

USA: Hillary Clinton candidata democratica per le elezioni 2016

USA: Hillary Clinton candidata democratica per le elezioni 2016
Redazione

Prima la dichiarazione del presidente Barack Obama, poi la discesa in campo ufficiale della candidata, che conferma la sua scelta per le prossime presidenziali USA. Hillary Clinton ha presentato ufficialmente la sua candidatura alle primarie del Partito Democratico, ed è pronta a gareggiare per diventare la prima presidente donna degli Stati Uniti.

L’ex segretario di stato, fino al 2013, ha dunque messo da parte titubanze e dubbi, ed ha anche lanciato il primo spot della sua campagna elettorale, uno spot nel quale si susseguono le immagini di lavoro, famiglia, classe media e coppie gay, e nel quale l’immagine della moglie di Bill Clinton arriva solo nel finale. Nel caso venisse eletta nelle presidenziali del 2016, Hillary Rhodam Clinton non sarebbe solo la prima donna presidente nella storia ma anche la prima ad essere eletta dopo il marito.

Il primo passo per poter ambire a rappresentare il suo partito nelle elezioni del 2016 sono le primarie, alle quali ha già partecipato una volta quando venne sconfitta dall’attuale presidente Obama, del quale poi è stata stretta collaboratrice. Ora avrà una serie di avversari tra i quali una donna, la 65enne Elizabeth Warren, senatrice dello stato del Massachussets, che è ben vista dall’ala del partito più spostata a sinistra, che ha anche insegnato diritto ad Harvard, ed è molto nota per la sua strenua difesa delle posizioni della classe media americana.

Oltre a lei sono candidati l’attuale vicepresidente, il 72enne Joe Biden, un politico con molti anni di esperienza sulla scena USA ma che ha un punto debole nella sua propensione ad effettuare gesti che in alcuni casi possono essere “male interpretati”, il senatore dello stato del Vermont, il 73enne Bernie Sanders, ed il 52enne Martin O,Malley, uno che all’interno del Partito Democratico è considerato un liberale, sia per la sua contrarietà alla pena di morte che per la legalizzazione delle notte delle coppie gay. Altri punti del programma presidenziale di O’Malley riguardano sia una legge più severa sulla detenzione di armi, che un aumento del salario minimo.

In caso di successo alle primarie sarebbe poi la volta della lotta con il rappresentante del Partito repubblicano, partito che subito dopo la sua discesa in campo ha iniziato a fare campagna contro di lei con uno spot a pagamento dal titolo abbastanza emblematico, “Stop Hillary”. Hillary Clinton ha dichiarato apertamente le sue mire per diventare la prima Presidente degli USA, e finora il suo staff ha già raccolto per la campagna elettorale una cifra che si aggira sui 15 milioni di dollari.

Hillary Clinton

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal Mondo

Altro in Dal Mondo