Attualità

Trieste, meta ideale per il weekend di Pasqua

Trieste, meta ideale per il weekend di Pasqua
Cristina Garbero
Se per il weekend di Pasqua cerchi una meta speciale, Trieste è ciò che fa per te.
Il caffè è il buongiorno dei triestini; si può apprezzare la bevanda nera nei bar, seduti a tavoli di marmo, circondati da specchi.
Trieste conserva 2 storici caffè: il Tommaseo e il San Marco. Nel primo, le persone si ritrovano per giocare a scacchi e degustare dolcetti che rievocano antichi sapori e splendori. Il Caffè San Marco è meta degli intellettuali, che si rilassano leggendo libri sparsi tutt’intorno.Con un passato glorioso e tormentato, dovuto alla posizione strategica alle porte dei Balcani verso il mare, il turista non trova né il barocco, né il rinascimentale ma, solo edifici che celebrano il potere saggio e severo della dominazione austriaca.
L’atmosfera che si respira non lascia indifferenti. Nel cuore della città, c’è l’unica piazza d’Europa con un’apertura sul mare: Piazza Unità d’Italia, ai piedi del colle San Giusto, compresa tra il Borgo Teresiano e Borgo Giuseppino, e sulla quale si affacciano gli edifici del Comune, della Regione, della Prefettura.

Lungo il Canal Grande, la statua di James Joyce, con cappello e cappotto, sembra passeggiare e andare incontro alla Bora.
In via San Nicolò, Umberto Saba cammina aiutandosi col bastone, verso quella che fu la sua libreria. In Piazza Hortis ad attenderti, immerso nei suoi impenetrabili pensieri, c’è Italo Svevo. Le previsioni meteo favorevoli, a Pasqua, permettono di godere di questa terra di confine e di severa grazia, la cui luce limpida del cielo conquista anima e corpo.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Attualità