Salute

Tre tazzine al giorno di caffè per una buona memoria

Tre tazzine al giorno di caffè per una buona memoria
Federica Stresati

Gli italiani sono noti per essere amanti del caffè: sia al nord ma forse soprattutto nelle regioni meridionali, si fa un grandissimo uso di questa bevanda. Il caffè preso in dosi non eccessive (3 o 4 tazzine al giorno) presenta diversi effetti benefici, dipendenti dalla caffeina presente nella bevanda ma anche da molte altre sostanze tra cui tantissimi anti-ossidanti.

Ottimi risultati si ottengono dalla caffeina, infatti essa è responsabile della riduzione della stanchezza, dell’aumento dell’attenzione e della mobilità intestinale. Oltre questo la caffeina serve a potenziare gli effetti antidolorifici dell’aspirina. Altre sostanze presenti nel caffe, tra cui i polifenoli, presentano diversi effetti benefici: prevengono infatti l’insorgere di malattie cardiovascolari e di varie forme tumorali (al fegato, al colon, all’endometrio, etc…).

Una recente analisi afferma che il caffè può essere associato a una diminuzione globale di mortalità, sebbene si tratti di una ipotesi non pienamente confermata. Un grande beneficio ottenuto dalla caffè (e scientificamente dimostrato) sta proprio nell’aumento della memoria. Si è infatti è stato scoperto che l’assunzione di circa tre tazzine al giorno oltre ad aumentare facoltà mentali come l’attenzione, aumenta la capacità di memorizzazione a breve termine.

Questo è uno dei motivi per cui il caffè rimane ancora oggi una delle bevande maggiormente assunte dagli studenti. Da tutto questo si evince come, preso in quantità contenute il caffè non solo non nuoccia alla salute, ma presenti effetti benefici che si manifestano sia nell’immediato che nel lungo periodo.

caffe

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salute

Altro in Salute