Economia

Telecom si costituisce parte civile contro Tronchetti Provera

Telecom si costituisce parte civile contro Tronchetti Provera
Fulvio Guerci

Telecom ha deciso di costituirsi parte civile contro il suo ex presidente Marco Tronchetti Provera nel corso del processo riguardante la vicenda dei dossier illeciti fondati sui dati trafugati dalla società di investigazioni Kroll, nel corso del 2004. L’accusa riguardante Tronchetti Provera, è quella di ricettazione e si fonda sul profitto che questi avrebbe tratto dall’uso dei dati in questione.

L’atto di richiesta di costituzione di parte civile da parte di Telecom, presentata dal legale Luca Santamaria, ipotizza danni di immagine e alla reputazione commerciale del gigante delle telecomunicazioni, dovuti alla grande eco mediatica che ha avuto la vicenda. Inoltre i fatti che sono imputati a Tronchetti Provera, avrebbero già causato danni patrimoniali, che potrebbero presto essere seguiti da altri della stessa natura. Oltre al fatto che ad essere bersaglio di inchieste giudiziarie in relazione alla vicenda di hackeraggio, non è il suo ex presidente, ma proprio il gruppo di telecomunicazioni, chiamato di conseguenza a sopportare gli ingenti costi legati alle spese legali e all’uso di risorse interne.
Il processo si sta svolgendo di fronte alla settima sezione penale di Milano, con giudice Anna Calabi e si fonda sull’ormai famoso cd contenente dati raccolti dalla Kroll ed intercettati in maniera illegale dal Tiger Team, durante la guerra che nel 2004 vide protagonisti fondi di investimento sudamericani e Telecom per la conquista di Brasil Telecom.
Tronchetti Provera, a sua volta, è finito sul banco degli accusati proprio per aver tratto illecito profitto dai dati trafugati nel sistema informatico di Kroll, tramite una operazione di vero e proprio hackeraggio operata da uomini della Telecom, a Rio de Janeiro. Il presidente della Pirelli, secondo l’accusa, sarebbe stato messo al corrente di quanto accaduto da Giuliano Tavaroli, che in quel periodo dirigeva la sicurezza di Pirelli e Telecom.
Oltre a Telecom, hanno chiesto di costituirsi parte civile anche L’ex amministratore delegato di Brasil Telecom, Carla Cico, la Associazione Azionisti di Telecom Italia e Daniel Dantas. La decisione sulle parti civili ammesse, sarà oggetto della prossima udienza prevista per il diciotto marzo. A sua volta, il presidente della Pirelli preannuncia una controffensiva legale, dando mandato ai suoi avvocati per tutelare la sua onorabilità, ricordando l’esito del processo di fronte alla Corte d’Appello di Milano, che avrebbe sancito la sua totale estraneità alle attività di dossieraggio. Lo stesso Tronchetti Provera, afferma che sarebbe in atto un tentativo di manipolazione della realtà teso ad attribuirgli responsabilità su comportamenti illegali sempre combattuti.
tronchetti-provera-telecom
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Economia