Economia

Presentata la nuova banconota da 5 euro

Presentata la nuova banconota da 5 euro
Fulvio Guerci

Un nuovo set di banconote europee vedrà la luce nei prossimi anni, a cominciare dalla carta da 5 euro che sarà diffusa a partire da maggio e che andrà a sostituire gradualmente quella attuale dopo un iniziale periodo di convivenza. In seguito tutte le vecchie banconote saranno definitivamente soppiantate dalla serie “Europa”.

A dare la notizia è il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi, alla presentazione ufficiale della banconota da 5 euro che ha avuto luogo a Francoforte, tra i cimeli storici custoditi al museo archeologico della città.
Draghi ha quindi elogiato le caratteristiche di sicurezza di cui la nuova banconota sarà dotata, che saranno percepibili al tatto e individuabili alla luce che varierà il colore di alcuni elementi presenti in essa a seconda dell’angolo di incidenza.
Tra le principali differenze con la banconota attuale, spicca il volto di una donna, riportato sia sulla filigrana che sull’ologramma laterale, che rappresenta il viso di “Europa”, fanciulla della mitologia greca da cui il set trae il nome. La scelta sembrerebbe non essere stata casuale e si carica di significato allegorico in un periodo di grande difficoltà per la Grecia.
La fisionomia, i colori e i disegni della banconota restano comunque invariati, fatta eccezione per i numeri, che assumono una colorazione di un verde brillante che, a seconda dei diversi angoli di visione, producono uno strano effetto, come se vi fosse un flusso di luce canalizzato dal basso verso l’alto, passando a una tonalità blu scuro. Sono presenti dei piccoli tratti in rilievo per facilitare l’identificazione del valore della banconota da parte dei non vedenti.
Dopo l’introduzione del taglio da 5 euro, seguirà quello da 10 e solo successivamente toccherà agli altri tagli in ordine di valore crescente.
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Altro in Economia