Pisapia difende l’assessore Bruno Tabacci del comune di Milano

Pisapia difende l’assessore Bruno Tabacci del comune di Milano
Fulvio Guerci

Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, è intervenuto direttamente per difendere l’assessore al Bilancio della sua amministrazione comunale. Nei giorni scorsi l’opposizione aveva infatti chiesto le dimissioni di Bruno Tabacci, accusato di aver gestito male la situazione relativa alla quotazione in Borsa delle Sea. “Non ho intenzione assolutamente di chiederne le dimissioni” ha replicato il sindaco, dando così una forte risposta all’opposizione di centrodestra.

Definendo la decisione di cedere una quota di Sea come “il miglior affare degli ultimi dieci anni”, Pisapia ha dichiarato di essere riuscito ad ottenere un importo ben superiore all’effettivo valore e che, attraverso questa operazione economica, si è riusciti, lo scorso anno, a dare maggiore solidità al bilancio. Inoltre la responsabilità della cessione non può essere data all’assessore Tabacci, sottolinea il sindaco Pisapia, in quanto la decisione è stata presa dall’intera maggioranza. Nel dicembre 2011 il trenta percento circa di Sea, attraverso un bando, era stata ceduta al fondo F2i.

Carlo Masseroli, capogruppo PdL del consiglio comunale, ha sottolineato invece che la vicenda è stata gestita male fin dall’inizio. Occorreva fare un passo indietro ammettendo i propri errori. “Il sindaco” ha continuato “non ha ammesso alcuna responsabilità, né sua né della propria Giunta”. Dopo il flop della quotazione in Borsa di Sea e la conseguente pessima figura internazionale, era stato proprio Masseroli a chiedere le dimissioni dell’assessore al Bilancio. Il sindaco ha concluso sottolineando che, nel mercato, operazioni finanziarie simili possono capitare e ricorda all’intera opposizione che non è la prima volta che Sea comincia il processo di quotazione di Borsa, senza tuttavia concluderlo.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in