Attualità

Nuovo codice della strada: in due sul motorino anche a 16 anni

Nuovo codice della strada: in due sul motorino anche a 16 anni
Redazione

E’ entrata in vigore la nuova legge del codice della strada, creata lo scorso anno e approvata solo nel mese di agosto 2015: il principale cambiamento riguarda i motocicli.

Si potrà salire in scooter in due solo se entrambi hanno superato i sedici anni d’età e se il veicolo è omologato per il trasporto di due persone: è questo il cambiamento principale che viene introdotto con la legge 115 entrata in vigore solamente il diciotto agosto 2015.
Ovviamente, il conducente dovrà aver conseguito la patente idonea per guidare i veicoli: la legge prevede che si possa portare un passeggero sia su uno scooter cinquanta sia su un 125.

Il veicolo però deve essere omologato, ovvero idoneo per il trasporto di un secondo passeggero, dato riportato nella carta di circolazione: se questo dovesse essere assente, il ciclomotore è idoneo solo al trasporto del conducente.
I giovani di quattordici e quindici anni, seppur in possesso della patente e del veicolo idoneo, non potranno in nessun caso far salire un’altra persona sulla sella del loro mezzo.
Cambiamenti anche per la patente speciale di invalidità, che permette alle persone di agganciare un rimorchio non leggero, ovvero quelli superiori ai 750 chili, al proprio veicolo.

In questo caso è necessario avere una licenza speciale: se il peso del veicolo e rimorchio non supera le tre tonnellate e cinquecento quintali, sarà necessario essere in possesso della patente di tipo B.
Anche per gli esaminatori cambiano alcune cose: per esaminare gli studenti di scuola guida che devono conseguire la patente B, gli esaminatori devono aver conseguito la patente da almeno tre anni.
Per tutte le altre tipologie di patenti invece è necessario il completamento di un corso di aggiornamento relativo alle nuove norme della strada, che gli esaminatori devono conoscere alla perfezione.
Questa norma si applica solo agli esaminatori che sono diventati tali a partire dal trenta giugno 2015.

 

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità