Cronaca

Morto a 87 anni Gabriel Garcia Marquez

Morto a 87 anni Gabriel Garcia Marquez
Redazione

Lo scrittore colombiano Gabriel Garcia Marquez, autore del capolavoro “Cent’anni di solitudine”, “L’amore ai tempi del colera”, “Cronaca di una morte annunciata” e premio Nobel per la letteratura, è morto nella serata di ieri a 87 anni dopo una lunga malattia che lo aveva portato ad essere ricoverato d’urgenza nello scorso mese di marzo.

Nonostante le parole di rassicurazione del figlio al momento del ricovero del padre, da molti fronti si temeva il peggio; l’aggravarsi delle sue condizioni anche dopo un’intensa cura di antibiotici per debellare l’infezione alle vie urinarie e ai polmoni, hanno indebolito il corpo di Garcia Marquez, sino a provocarne il decesso.

Ad annunciare la scomparsa dello scrittore che da molti ormai ormai aveva preso residenza stabile in Messico, sono stati i familiari. La notizia è stata poi confermata dalle testate giornalistiche di Città del Messico, capitale dello stato del centro America che lo ospitava ormai da molto tempo.

La morte dello scrittore Gabriel Garcia Marquez, detto Gabo, ha scatenato una catena di reazioni soprattutto in patria. Ad unirsi al coro di ammirazione e tristezza per la sua scomparsa sono già stati il presidente della Colombia Juan Manuel Santos che ha definito Marquez “Il più grande colombiano di tutti i tempi”, “L’America Latina e il mondo sentiranno la partenza di questo sognatore. “Riposa in pace Gabriel Garcia Marquez, laggiù a Macondo” è il pensiero del peruviano Ollanta Humala.

Anche la cantante Shakira ha voluto porre il suo omaggio allo scrittore premio Nobel con un post pubblicato su Twitter: “Caro Gabo, una volta mi hai detto che la vita non è quella che uno ha vissuto, bensì quella che uno ricorda e come la ricorda per raccontarla. La tua vita, caro Gabo, la ricorderemo come un regalo unico e irrepetibile, il più originale dei racconti”.

Gabriel-Garcia-Marquez

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Altro in Cronaca