Calcio

Morte Morosini, indagati tre medici

Morte Morosini, indagati tre medici
Pietro Gagliardi

Il 14 aprile 2012, per il calcio italiano, rimarrà per sempre una data indelebile, impossibile da cancellare.

Tutti ricordano come quel pomeriggio, sul campo dello stadio Adriatico di Pescara, il 25enne centrocampista del Livorno Piermario Morosini si accasciò al suolo per non riprendersi mai più.

La corsa in ospedale, le successive polemiche per un presunto ritardo dei soccorsi, il mancato utilizzo di un defibrillatore, rimangono oggi parole che non possono cambiare ciò che è avvenuto in quegli attimi fatali.

“Cardiomiopatia aritmiogena” è stata la causa del decesso del giovane calciatore di proprietà dell’Udinese in prestito ai toscani. Il mondo del calcio finì sotto shock e furono intraprese nuove misure preventive per la stagione appena iniziata per evitare che possano accadere nuovamente episodi simili.

A distanza di 6 mesi, dopo la perizia firmata dal professor Cristian D’Ovidio che attesta la causa certa della morte, il Procuratore Valentina D’Agostino ha iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di “omicidio colposo” i medici che soccorsero il giocatore: Manlio Porcellini, medico sociale del Livorno, Ernesto Sabatini del Pescara e il medico del 118 presente quel giorno allo stadio.

L’accusa è stata formulata proprio perchè all’interno della perizia (come anche sostenuto da Cristina Basso, consulente della famiglia Morosini), il professor D’Ovidio sottolinea come si sarebbe dovuto assolutamente usare il defibrillatore.

Rimane fuori dall’inchiesta l’altra figura medica in qualche modo coinvolta, vale a dire il primario dell’unità cardiocoronarica dell’ospedale di Pescara che quel giorno si trovava allo stadio ad assistere alla gara e, una volta compresa la situazione, era sceso sul terreno per supportare i colleghi.

A liberare il primario da ogni possibile accusa è il fatto, ovvio, che non avesse alcuna responsabilità sui soccorsi in quegli istanti fatali.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Calcio

Altro in Calcio