Politica

Monti ora fa il politico

Monti ora fa il politico
Fulvio Guerci

Ormai tutti l’hanno capito: Mario Monti, dopo essere stato il Presidente del Consiglio di un governo completamente tecnico non votato dal popolo, inizia ad essere ed a comportarsi come un vero e proprio politico ed a parlare come tale.
Dopo le riforme durante il suo governo, duramente criticate da tantissimi esponenti della società civile, che hanno portato la pressione fiscale ad una soglia record del 55%, le ultime dichiarazioni riportano di un Monti che punta, ora, ad abbassare le tasse ed ad attivare un percorso politico e fiscale che, in breve tempo, possa diminuire il carico fiscale che grava in particolare su famiglie ed imprese italiane che in questo modo non riescono a crescere ed a svilupparsi.

Ma, insieme al ministro dell‘Economia Grilli, Monti specifica che ciò non si potrà fare eliminando specifiche tasse ma solo mettendo in piedi un sistema tributario equo e trasparente che possa, nel minor tempo possibile, portare ad un recupero di fondi limitando l’evasione fiscale, da sempre piaga del nostro paese, e l’erosione fiscale e, dopo ciò, si potrà agire con più tranquillità agendo sulla tassazione e sulla pressione fiscale. Ma il ministro Grilli dichiara che comunque il governo non ha certo la bacchetta magica e che questa crisi che sta mettendo in ginocchio il mondo porterà ad una crescita del Pil italiano solo a partire dal 2015.

Molti degli esponenti politici dichiarano, in modo anche polemico, in particolare Bersani che durante il governo tecnico ha appoggiato il Professore, dichiara che adesso lo stesso Monti deve fare chiarezza e non parlare solamente di economia, ma anche di diritti civili, del problema creato dalla riforma Fornero, ovvero quello degli esodati inoltre lo attacca anche riguardo il doppio ruolo svolto dal commissario Bondi, commissario sia per il governo che per la lista Monti in un doppio ruolo non proprio ortodosso.

Simili critiche mosse da Alfano, il quale dice che prima Monti ha alzato le tasse ed ora, che ha bisogno di voti per vincere le elezioni, promette, contraddicendosi, di abbassarle.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Altro in Politica