Calcio

Milan: rebus calciomercato. Vendere un top player per sistemare la rosa?

Milan: rebus calciomercato. Vendere un top player per sistemare la rosa?
Pietro Gagliardi

Berlusconi libero dagli impegni politici ma assente all’appuntamento tradizionale con la prima giornata di ritiro estivo del Milan non è un gran bel segno.

I tifosi fuori dai cancelli di Milanello inneggiano alla Champions League e al Campionato, ma i rossoneri potranno veramente competere per ottenere trofei prestigiosi nella prossima stagione? Questa domanda se la pongono in molti. La certezza è che dopo le partenze illustri di tutti i “senatori”, quella vecchia guardia che tanti successi ha portato al Milan, il mercato in via Turati quest’estate non potrà fare faville come accaduto in passato. I tempi sono cambiati, la crisi, il bilancio sono ormai una cantilena a cui tutti si stanno un po’ abituando.

Ma cosa accadrà nelle prossime settimane? Il sibillino Galliani ha lanciato un “Tutto può succedere nella vita”, che tradotto significa che qualcosa ancora accadrà, forse, e sopratuttto, in uscita. Trattenere tutti i campioni sarà molto, molto difficile. Thiago Silva continua ad essere richiesto dagli sceicchi francesi, la situazione di Ibra è misteriosa, ma non sono misteriosi gli apprezzamenti di Mourinho del Real e di Mancini del City, Robinho e Boateng hanno mercato.

La cessione di uno dei top player potrebbe portare nelle casse rossonere tanti soldi, abbastanza da ripianare parte del bilancio (già alleggerito dalla partenza di gente dallo stipendio pesante come Seedorf, Nesta, Gattuso, Zambrotta, Van Bommel, Inzaghi, la riduzione di Flamini), e da puntellare la rosa con gli acquisti obbligati.

Un centrocampista centrale, un terzino sinistro e un attaccante (nel caso in cui partisse una punta) sembrano essere più che necessari per rimanere competitivi.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Calcio