Attualità

L’Italia non fa figli; crescita zero solo grazie agli stranieri

L’Italia non fa figli; crescita zero solo grazie agli stranieri
Redazione

La grande mamma Italia si sta facendo sempre più vecchia.
Le nascite crollano vertiginosamente e l’età media non scende al di sotto dei 44 anni.
Al centro nord l’età media supera i 45 anni, mentre si abbassa leggermente al sud (43 anni). Alcune regioni risultano più critiche delle altre. La Liguria è la più elevata con un record di 48 anni come età media. Tutto ciò non è conseguente di notevoli flussi di spostamento della popolazione residente che è rimasta sostanzialmente invariata.

La situazione sembra essere quella della Prima Guerra Mondiale (1917-1918). L’Italia è dunque dietro di 100 anni. Rispetto al 2013 sono bene – 12.000 i bambini nati. Diminuiscono i ragazzi sotto i 15 anni del 13,8%, mentre aumentano gli anziani del 21,7%. Il livello di crescita, dunque, della popolazione italiana è pari a zero.

C’è da dire inoltre che sono stati davvero tanti i ragazzi che nell’ultimo decennio hanno deciso di abbandonare l’Italia per l’estero. 90.000 italiani hanno abbandonato la loro terra natia per cercare fortuna fuori.

Dall’altra parte la comunità straniera è quella che aumenta esponenzialmente. L’8,2% dei residenti italiani è infatti straniero. Il leggero incremento della popolazione è dovuto proprio a loro.

Quali sono le conseguenze di questa situazione per il nostro paese? Viviamo in uno Stato che non tutela i giovani, molti dei quali sono costretti a migrare via e a lontanarsi dai loro affetti pur di trovare lavoro, e che, di conseguenza, si ritroverà a lungo andare con un’età media sempre maggiore. La diaspora alla ricerca di quello che non c’è in Italia è inziata pericolosamente accellerata. Frenarla non sarà facile, ma la storia ci insegna che è possibile. Bisogna solo inziarci a lavorare seriamente.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità