Attualità

Le 4 regole per una vacanza perfetta

Le 4 regole per una vacanza perfetta
Redazione

Tempo d’estate, tempo di progettare o partire per le tanto sospirate ferie con un unico, sempre valido obiettivo: prenotare e portare a termine una vacanza perfetta.
Ma può esister la vacanza perfetta?

Sicuramente la riuscita o meno di un viaggio dipende da molti, troppi fattori. Alcuni sono difficili o impossibili da prevedere, in positivo o in negativo, mentre altri possono essere anticipati.
A venire incontro al popolo di vacanzieri è oggi una ricerca scientifica che dopo un lungo studio ha ridotto a 4 le regole fondamentali per rendere un viaggio eccezionale:

– pianificazione anticipata
– attività fisica moderata durante il soggiorno
– durata compresa tra i 7 e i 10 giorni
– deve prevedere il contatto con la natura

Incrociando diversi studi pubblicati su autorevoli riviste del settore il risultato finale, a livello molto sintetico, sono le quattro semplici regole sopraelencate.

1. Anticipare la pianificazione permette alla mente di non affrontare la vacanza con l’ansia della prenotazione all’ultimo minuto; consente di trovare le migliori offerte organizzandosi con la calma del caso e stimola il cervello al rilascio di serotonina (l’ormone della felicità) per un periodo più lungo.

2. Altro punto importante è muoversi mentre si è in ferie, ma con moderazione. Nessuno sforzo eccessivo, ma qualche buona camminata, una corsetta al giorno o un bel giro in bici, hanno la capacità di scaricare le tossine del corpo senza affaticarlo. Assolutamente da preferire i “vagabondaggi casuali” sempre in mezzo alla natura piuttosto che gite organizzate.

3. Su questo punto gli studiosi hanno lasciato più ampia interpretazione. Non vi è infatti a livello cerebrale e umorale una durata migliore per una vacanza, ma sembra chiaro a tutti che il livello degli ormoni legati al relax e alla soddisfazione inizino a crescere subito dopo la partenza, raggiungendo il picco all’ottavo giorno. Entro il decimo, quindi, è tempo di rientrare.

4. Unanimità totale riguarda invece la presenza obbligatoria della natura, fondamentale per “ricaricare” la mente. La quiete, i paesaggi e gli animali sono un vero e proprio toccasana per rigenerarci. Particolarmente adatti, per questo, sono le zone collinari e le campagne, capaci di ridurre i livelli di ansia e di preoccupazione accumulati durante l’anno.

vacanza

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità