Inferno a Sassoferrato. Incendio in un laboratorio artigianale

Inferno a Sassoferrato. Incendio in un laboratorio artigianale
Fulvio Guerci

Distrutto un laboratorio artigianale a causa di un incendio.La causa dell’incendio è stata la stufa a legna che era stata lasciata accesa dopo la fine dell’orario lavorativo.Un mega incendio innescatosi intorno alle 23 e 30 e che ha tenuto impegnati i vigili del fuoco proveniente da Fabriano, Acervia,Senigallia ed Ancona che hanno utilizzate tutti i loro mezzi autobotti e autogru per domare le fiamme.

Il proprietario che abita nella casa adiacente al laboratorio non si era accorto di nulla.L’artigiano, non ha dipendenti lavoro da solo,uno volta resosi conto di quello che stava accadendo subito ha capito che i danni dovuti alle fiamme sarebbero stati davvero ingenti.La conta dei danni non si è fatta attendere:il laboratorio di circa 200 mq è stato quasi completamente distrutto infatti a causa delle fiamme è avvenuto anche il cedimento della copertura del capannone.I danni ammontano a diverse decine di migliaia di euro.

Una giornata davvero impegnativa per i vigili del fuoco dopo aver domato le fiamme hanno condotto un lungo lavoro per mettere in sicurezza la limitrofa casa dell’artigiano.I carabinieri una volta giunti sul posto hanno dato inizio alle loro indagini.Senza dubbi hanno subito ricondotto la causa di quell’incendio devastante, che ha distrutto tutto ciò che c’era nel laboratorio dai macchinari alla legna che era accatastata, a quella stufa a legna che non era stata spenta.Lo stabile è stato dichiarato completamente inagibile e transennato completamente.

Dopo aver spento le fiamme i vigili del fuoco sono stati impegnati in un’operazione di bonifica in cui sono riusciti a recuperare un bel pò di oggetti tra utensili e macchinari. Solo allora i vigili del fuoco potevano ritenere il loro lavoro completato anche se non del tutto finito restano ancora da controllare lo stato di alcune pareti annerite che possono essere state danneggiate dall’incendio.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in