Cronaca

In migliaia per l’ultimo saluto a Rita Levi Montalcini

In migliaia per l’ultimo saluto a Rita Levi Montalcini
Fulvio Guerci

Era benvoluta da tutti e non solo dalla comunità scientifica. Ai funerali di Rita Levi Montalcini, scienziata e senatrice a vita deceduta alla veneranda età di 103 anni, c’erano migliaia di persone.

Alla solenne cerimonia erano presenti tutti: dal governatore del Piemonte Roberto Cota al Ministro Elsa Fornero, dal Ministro Francesco Profumo al sindaco del capoluogo piemontese Piero Fassino. A testimonianza del ricordo che ha lasciato nella mente nel cuore del popolo italiano ma soprattutto in considerazione delle sue origini, a prendere parte al corteo funebre si è unita anche la Comunità Ebraica torinese, rappresentata per l’occasione da Tom Dealessandri, vice sindaco di Torino.

Durante le esequie pubbliche, celebrate con massima solennità e rispetto per una figura che ha reso grande all’estero il nome della scienza italiana, tre oratori hanno salutato per l’ultima volta la celebre centenaria, prima che il corteo si dirigesse verso il tempio crematorio, dove la salma per volontà della stessa Montalcini è stata cremata questa mattina e l’urna verrà conservata nella tomba di famiglia, accanto alla sorella gemella Paola.

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha inviato una corona di margherite bianche e rose rosse, mentre il comune di Torino ha predisposto una composizione di gerbere gialle e rose blu, per ricordare i colori della città. “Tutta la città questa mattina si è riunita nel cordoglio” ha riferito Piera Levi Montalcini, Consigliere Comunale “per permettere a chiunque di salutare la zia. Verrà sicuramente ricordata per i suoi insegnamenti, che si spera un giorno siano applicati”. Intanto la famiglia della scienziata ha aperto un nuovo sito internet dedicato alla defunta senatrice a vita. Digitando “ritalevimontalcini” su un motore di ricerca si potrà entrare nel nuovo sito e scrivere “un ricordo, una frase o un pensiero” per salutare l’ultima volta colei che ha fatto la storia della scienza del XX secolo.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Cronaca