Economia

Il Governo promette di eliminare Imu e Tasi dal 2016, l’UE frena

Il Governo promette di eliminare Imu e Tasi dal 2016, l’UE frena
Gianluca Simeone

Sugli italiani piovono nuove promesse e questa volta non stiamo parlando di candidati alle prese con la campagna elettorale ma del nostro premier, Matteo Renzi. E’ proprio l’ex sindaco di Firenze a rendere migliore, o almeno si spera, il rientro dalle vacanze degli italiani promettendo di dare un colpo di spugna a Imu e Tasi in barba a quello che dice e chiede l’Unione Europea.

Le ultime novità in materia di Fisco ed economia arrivano direttamente da un’intervista a Rtl 102.5 e hanno fatto in poco tempo il giro di giornali e siti web visto che sono affermazioni non di poco tempo. Renzi, infatti, ha parlato dell’eliminazione di Imu e Tasi già dal prossimo anno spingendosi oltre e dicendo: “Il 16 dicembre è il funerale della tassa sulla prima casa“. Come se questo non bastasse Renzi ha parlato chiaro anche per quello che riguarda l’impegno preso con Bruxelles di cui dice: “Le tasse che tagliamo le decidiamo noi”.

Quindi niente tagli al cuneo fiscale per aziende e lavoratori ma si a quello a favore delle famiglie e questo per decisione del suo Governo visto che Renzi non ci sta quando l’Ue si interessa di tasse ma non di immigrazione. Insomma il nostro premier sembra davvero infuriato e pronto ad alzare la testa contro Bruxelles e chi si permette a dire cosa fare con i soldi trovati con tanta fatica, almeno a quanto dice.

L’intervista è stata lunga e abbastanza polemica non solo con Bruxelles ma anche con Forza Italia che spinge per la cancellazione dell’Italicum. Resta il fatto che gli italiani hanno memoria lunga e aspettano con ansia che questi ultimi mesi dell’anno passino per poi scoprire se davvero dal 16 Dicembre potremo dire addio alle tasse sulla casa, casa che in molti pagano per anni prima di dire “è mia”.

 

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Altro in Economia