Viaggi

I sintomi della sindrome da rientro dalle vacanze

I sintomi della sindrome da rientro dalle vacanze
Cristina Garbero

Rientrare dalle vacanze, abbandonare la spensieratezza e riappropriarsi delle ansie e delle preoccupazioni di tutti i giorni non è mai facile.
Molto importante è saper gestire al meglio la fase da rientro, denominata anche come e vera e propria sindrome.
secondo gl ultimi studi effettuati dagli esperti a soffrirne maggiormente, con un rapporto di 1 su 2, sono le donne di età compresa tra i 35 e i 50 anni; quelle maggiormente impiegate nell’organizzazione della famiglia.

Secondo uno studio approfondito di Pool Pharma, la motivazione principale causa della sindrome da rientro, va ricercata nel fatto che per le donne le vacanze non rappresentano un vero e proprio stacco dalla routine quotidiana e di totale relax; si va a dormire più tardi, ci si sveglia presto perdendo i ritmi biologici accusando stanchezza per le ore di sonno mancanti.

Sia per chi trascorre le vacanza in hotel, sia per chi le passa in resort, la causa principale dello stress continuo è l’accudimento dei figli e l’organizzazione di attività ludiche per loro; tutto ciò va aggiunto, per chi sceglie di trascorrere le vacanza in appartamento o camper, alle pulizie e al riassetto giornaliero.
Secondo lo studio di Pool Pharma per combattere l’ansia da rientro, tornati a casa è necessario scegliere una dieta povera di grassi e di sale e ricca di acqua per depurare l’organismo.
Inoltre è buona abitudine dedicarsi ad attività come lo yoga, il pilates e la ginnastica dolce che rilassano il corpo e la mente.

Non è mai semplice rituffarsi a capofitto nelle attività stressanti che ci impone la vita quotidiana, ma è sempre bene prepararsi con il corpo e sopratutto lo spirito per affrontare al meglio la vita che ci aspetta.
Almeno fino alla prossima vacanza.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Viaggi

Altro in Viaggi