Cronaca

I Marò giudicati da tribunale dell’Aja, ma Girone non torna in Italia

I Marò giudicati da tribunale dell’Aja, ma Girone non torna in Italia
Redazione

Il Tribunale del Mare di Amburgo dopo quasi due mesi si è espresso sulla vicenda dei due Marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, accusati dalla giustizia indiana dell’uccisione di due pescatori indiani avvenuta al largo delle coste dello stato del Kerala nel febbraio del 2012.

La decisione presa dal tribunale di Amburgo è in chiaroscuro per tutti. Infatti se da un lato il tribunale ha negato la giurisdizione indiana e invitato le parti contendenti a sospendere ogni iniziativa ed intraprenderne altre, dall’altro ha respinto le richieste italiane di rientro in patria di Girone e permanenza in Italia di Latorre per il suo stato di salute.
Ma il tribunale tedesco però, visto che su tutta la questione si dovrà esprimere a breve il tribunale internazione dell’Aja, ha ritenuto inappropriato prescrivere delle misure di carattere provvisorio che entrano nel merito della vicenda.

Le reazioni alle decisioni sono state contrastanti. I familiari di Girone sono rimasti nettamente delusi in quanto si aspettavano il rientro del fuciliere. Il Ministro degli Esteri Gentiloni invece vede il bicchiere mezzo pieno in quanto apprezza il principio secondo cui i due militari italiani non saranno giudicati dalla giustizia indiana ma da un tribunale internazionale. Anche il governo indiano è soddisfatto a metà perchè se anche le richieste italiane non sono state accolte si sono visti però togliere la giursidizione sulla vicenda.
Attenderemo nuovi sviluppi sulla vicenda.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Altro in Cronaca