Firenze: nuova protesta degli infermieri a Careggi

Firenze: nuova protesta degli infermieri a Careggi
Fulvio Guerci

Non sembra aver intenzione di placarsi la nuova protesta che ha preso piede a Careggi, nel Fiorentino. Ieri mattina, gli infermieri e il personale socio sanitario dell’ospedale hanno preso d’assedio la direzione della struttura, accendendo un fumogeno e appendendo degli striscioni polemici.

Tra potenti fischi e rotoli di carta igienica gettati per terra, la protesta nasce per l’imbarazzante orario di lavoro a cui sarebbero sottoposti i dipendenti: la direzione dell’ospedale, così come spiegato dai sindacati, obbligherebbe i lavoratori a nove giorni consecutivi di lavoro al fine di portare a termine il numero delle ore previste dal contratto. Il presidio, a cui hanno contribuito attivamente tutte le organizzazioni sindacali, è stato programmato dalle Rsu del comune toscano.

Verso le undici di ieri mattina, poi, gli infermieri dell’ospedale si sono introdotti negli uffici richiedendo un confronto col direttore generale Valtere Giovannini. Dopo 3 ore e mezzo i manifestanti hanno ottenuto un’importante rassicurazione da parte del direttore: entro la settimana verrà infatti convocata un’assemblea in cui si incontreranno i vertici dell’azienda che dovranno rispondere alle domande dei lavoratori.

Intanto, i sindacati si fanno sentire: Antonietta Porrini della Uil, ad esempio, contesta la mancata realizzazione di soluzioni politiche annunciate, come la possibilità di nuovi contratti a tempo indeterminato per coprire le assenze nel periodo estivo. Sulla stessa lunghezza d’onda è Mirco Vettori della Cgil, il quale ammette di non aver firmato nessun nuovo accordo lavorativo. Gli infermieri, intanto, attendono delle risposte concrete.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in