Firenze: lite a colpi di katana, stacca pollice al padre

Firenze: lite a colpi di katana, stacca pollice al padre
Fulvio Guerci

Tutto è iniziato con una discussione su una finestra lasciata aperta e stava per finire in tragedia. Protagonisti della scena sono un uomo di cinquantasette anni e il figlio di ventuno. Tra i due pare non ci fossero buoni rapporti, dato che il genitore accusava spesso il figlio, disoccupato, di non impegnarsi abbastanza per cercare un nuovo lavoro.

Secondo le ricostruzioni il padre sarebbe rientrato a casa trovando i due figli a letto ed avrebbe iniziato a rimproverarli per aver lasciato aperta la finestra tutta la notte. Il litigio si sarebbe fatto sempre più acceso ed aspro, fin al momento in cui, uno dei due ragazzi, furioso per gli insulti ricevuti, avrebbe brandito la katana giapponese di sua proprietà e sferrato un colpo mortale alla gola.

Il padre, che ha provato a difendersi con le mani, ha perso il pollice. Trasportato immediatamente all‘ospedale è stato operato d’urgenza e non è in pericolo di vita, anche se le sue condizioni sono piuttosto gravi. Il giovane è stato immediatamente arrestato per tentato omicidio e per non aver denunciato il possesso dell’arma bianca con cui ha colpito il padre.

Pare che il ragazzo, attualmente nell’istituto detentivo di Sollicciano, non abbia mai sofferto di disturbi psichici e non faccia uso di alcol o droghe.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in