Salute

Figlio unico, gli errori più comuni da evitare

Figlio unico, gli errori più comuni da evitare
Redazione

Sono sempre di più, in Italia, le coppie che decidono di avere un unico figlio. Il rischio di compiere qualche errore, quando si ha un figlio unico, è sempre in agguato, vediamo quali sono i più comuni e come evitarli.

È importante che il bambino non si comporti in casa come un piccolo tiranno. Il figlio unico è solidamente al centro dell’attenzione di tutti gli adulti di riferimento che rischiano di viziarlo, permettendogli di decidere e fare dei propri desideri un ordine. Mettiamo dei confini e dei limiti ben precisi da subito, un “no” deve essere detto, quando è necessario.

Facciamo in modo che il bambino abbia degli amici con cui giocare, fargliene frequentare molto pochi, o peggio ancora non fargliene frequentare affatto, per eccesso di protezione, può sfociare in una futura incapacità di relazionarsi, confrontarsi e misurarsi con gli altri.
Un bambino è un bambino e non va trattato come un adulto, bisogna sempre mantenere il proprio ruolo di genitori e rapportarsi al figlio, in base alla sua età.

È buona norma non riversare troppe aspettative sul proprio figlio, rischieremmo così di metterlo sempre in dubbio se seguire la propria strada e i propri desideri o, invece, i nostri.
Le lodi e le gratificazioni non devono essere esagerate, bisogna trovare il compromesso ideale tra giuste critiche e approvazioni.

L’iperprotettività rischia di inibire l’esplorazione e limita la costruzione della propria indipendenza e dell’autostima. Lasciamo che possa essere spontaneo, senza cercare di fermarlo immediatamente con critiche o giudizi, permettiamogli di sperimentare e ascoltiamo il suo punto di vista.
Invitiamo i nonni a non essere troppo permissivi e spieghiamogli la nostra linea educativa, affinché possano seguirla, almeno a grandi linee.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salute

Altro in Salute