Politica

Elezioni regionali: vincono Maroni, Zingaretti e Frattura

Elezioni regionali: vincono Maroni, Zingaretti e Frattura
Fulvio Guerci

La tre giorni di elezioni nazionali e di elezioni regionali, si sono chiuse con i risultati dello spoglio delle schede relative alle elezioni del Lazio, della Lombardia e del Molise. In tarda serata sono stati resi noti i dati ufficiali che hanno sancito la vittoria del centrodestra nella regione lombarda, del centrosinistra nel Lazio e in Molise. Tutto secondo previsione.

LOMBARDIA. Al termine degli scrutini nella Lombardia, paese in cui il consiglio regionale è stato sciolto per gli scempi compiuti dai precedenti amministratori sia del centrodestra che del centrosinistra, a spuntarla è stato il candidato leghista Roberto Maroni. In questa tornata di elezioni regionali l’uomo di punta della coalizione formata da Pdl-Lega Nord e altri ha ottenuto il 42,8% delle preferenze (2 milioni e 460mila voti) a 4,6 punti di distacco dal candidato del centrosinistra Umberto Ambrosoli che ha chiuso con 2 milioni e 195mila voti pari al 38,2%. Il Movimento 5 stelle con Silvana Carcano strappa il 13,6% mentre l’ex sindaco di Milano Gabriele Albertini ha chiuso con un misero 4%. Nella sola città di Milano Ambrosoli ottiene il 48,3% contro il 34,4 di Maroni.

LAZIO. Elezioni regionali. Sorte inversa nella regione che ospita la capitale Roma. Qui il candidato del centrosinistra Nicola Zingaretti ha ottenuto il 40,6% delle preferenze dei cittadini contro il 29,3% ottenuto dal candidato del centrodestra Francesco Storace. Il M5S qui va meglio e chiude con un buon 20,2% mentre la lista civica dell’avvocatessa Giulia Bongiorno si ferma al 4,7%.

MOLISE. Elezioni regionali. Termina l’era dell’ex governtore Iorio che, ottenendo il 25,8% delle preferenze esce sconfitto dall’esponente della coalizione di centrosinistra Frattura che si insedia con il 44,7% dei voti a suo favore. I grillini chiudono terzi col 16,8%.

elezioni regionali

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in Politica