Attualità

Divorzi e separazioni, boom in Italia negli ultimi 20 anni

Divorzi e separazioni, boom in Italia negli ultimi 20 anni
Redazione

La famosa “crisi del settimo anno” che tanti problemi ha causato alle famiglie italiane e tanti soldi ha portato nelle tasche degli avvocati, continua a “mietere vittime” nei matrimoni italiani. Secondo un’ultima ricerca Istat in vent’anni, dal 1985 al 2005, le unioni interrotte dopo 7 anni nel Belpaese sono più che raddoppiate passando dal 4,5% al 9,3% del totale.

I tassi di divorzi, in due decenni, hanno subìto un rallentamento solo nell’anno 2012, per una qualche combinazione (forse la paura della crisi economica) difficile da spiegare visto il trend generale. Le statistiche non lasciano spazio a interpretazioni. I matrimoni durano sempre di meno e poca differenza fanno le nozze civili o quelle religiose. La crisi colpisce proprio tutti.

Nell’anno 2012 le separazioni sono state in tutto 88mila mentre i divorzi veri e propri sono stati 51mila, in calo rispetto ai 12 mesi precedenti. I tempi, però, rimangono lunghi, anche nel confronto con gli altri paesi nei quali per raggiungere la separazione legale occorre molto meno tempo.
In questo senso si sta però muovendo il governo che, sulla spinta delle associazioni di cittadini, sta inserendo alcuni emendamenti all’interno di una proposta di legge che dovrebbe garantire il cosiddetto “divorzio breve” quando vi è il consenso di entrambi i coniugi.

Curioso infine notare quali categorie sono più coinvolte dalla pratica del divorzio. Statisticamente a separsi dal coniuge sono principalmente quarantenni e laureati o comunque con un titolo di studio medio-alto. Gli incrementi più consistenti delle separazioni ”si sono osservati nel sud Italia.

divorzio

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità