Salute

Dieta Scarsdale: pro e contro

Dieta Scarsdale: pro e contro
Federica Stresati

Già in voga molti anni fa, la dieta Scarsdale ha saputo mantenere intatto il suo fascino nei confronti di tutti coloro che vogliono perdere peso rapidamente ed ottenere un buona forma fisica nel giro di due settimane.

Appartenente alla categoria delle diete cosiddette low-carb, ovvero basso contnuto di carboidrati, zuccheri e grassi, la Scarsdale è stata ideata da due medici statunitensi per poi essere esportata in tutto il mondo.

Lo scopo di questo regime alimentare, cioè il dimagrimento, è ottenuto tramite la diminuzione a tavola di cibi ricchi di carboidrati a favore di cibi prettamente proteici. Proprio per questa ragione, la dieta non può essere troppo prolungata nel tempo. Un eccessivo consumo di proteine per un periodo superiore ai 15 giorni potrebbe risultare troppo pesante per fegato e reni.

Ma vediamo nel dettaglio le caratteristiche della Scarsdale che, ricordiamo, deve essere sempre e comunque intrapresa da persone sane e senza disturbi fisici.

Dal punto di vista numerico le calorie consentite applicando alla lettera il regime alimentare si aggira intorno alle 1.000: ciò permetterebbe di perdere sino a mezzo chilo al giorno. La dieta si divide in due fasi, la prima, dedicata al dimagrimento rapido e deciso, la seconda dedicata al mantenimento dei risultati ottenuti.

Le regole d’oro della Scarsdale si possono riassumere in:

Mangiare quanto stabilito con il medico nutrizionista
Mangiare scondito, senza oli o salse
Tra un pasto e l’altro sono concesse solo carote o sedano
La carne ingerita deve essere rigorosamente magra
Sono vietati gli alcolici
Attenersi scrupolosamente al programma per non oltre 14 giorni

Come tutte le diete contrappone ad indubbi vantaggi/risultati anche alcuni svantaggi. Vediamoli:
Permette di perdere peso in poco tempo senza dover contare le calorie o pesare gli alimenti e non necessità di alcun esercizio fisico.
Di contro non è sicuramente una dieta equilibrata, il numero quotidiano di calorie è decisamente basso e la colazione troppo povera; la suddivisione dei pasti in 4 parti del giorno può causare disagi e problemi a livello epatico e surrenale poichè scarsa a livelo nutritivo. Sconsigliata per gli sportivi.

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salute

Altro in Salute