Economia

Dichiarazione redditi: via al 730 precompilato

Dichiarazione redditi: via al 730 precompilato
Redazione

Sono circa venti milioni, fra dipendenti e pensionati, gli italiani interessati all’utilizzo del nuovo modello 730 precompilato attraverso il quale presentare la propria dichiarazione dei redditi. Molte sono le titubanze sull’argomento e non tutti sono stati in grado di trovare le giuste risposte attraverso il sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Alcuni consigli possono essere utili ai contribuenti per capire meglio il meccanismo e gli obblighi previsti dalla normativa.

1) Il modello 730 precompilato può essere scaricato dal sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Chi è in possesso del proprio username e pin può accedere in qualsiasi momento.

2) Chi non ha le credenziali di accesso (username e pin) può richiederle sempre attraverso il sito ufficiale, oppure telefonando ai numeri dell’ente ed ancora recandosi presso gli uffici dell’Agenzia delle Entrate della propria città.

3) Il modello 730 precompilato contiene i dati relativi ai redditi di lavoro e di pensione, eventuali costi per muti, contratti d’affitto, assicurazioni, previdenziali, di eventuali acquisti o vendite immobiliari e contributi di previdenza. Ancora tutti i dati relativi ai versamenti precedenti ed eventuali crediti vantati dallo stato, i dati relativi alle detrazioni diluite nel tempo, ad esempio quelle sostenute per eventuali ristrutturazioni.

4) Non sono contemplati i dati relativi alle spese sanitarie e veterinarie, quelle riferite alle eventuali frequentazioni di scuole dei figli, quelle per il mantenimento del coniuge separato, quelle funebri.

5) Dopo avere scaricato il modello 730 precompilato sarà possibile integrare tutti i dati mancanti ed eventualmente correggere o modificare dati errati o mutati. E’ importante sapere però che eventuali modifiche, variazioni ed integrazioni potranno essere inserite solamente a far data dal primo maggio 2015.

6) La presentazione del modello 730 precompilato non è affatto obbligatoria. Il contribuente può rivolgersi tranquillamente ad un Caf o altro professionista abilitato e presentare la dichiarazione cartacea in maniera tradizionale.

7) La scadenza delle presentazione telematica del modello 730 precompilato è identica a quella della presentazione classica cartacea, ovvero il 7 Luglio 2015.

8) L’invio telematico del modello 730 precompilato non comporta alcun costo, a differenza invece della presentazione del modello classico cartaceo tramite Caf o professionista abilitato.

730 precompilato

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Altro in Economia