Delitto della Maddalena, condannato Cerubini

Delitto della Maddalena, condannato Cerubini
Fulvio Guerci

Massimo della pena inflitta a Luca Cerubini, che secondo gli inquirenti avrebbe premeditato l’omicidio dei due imprenditori macedoni, Ekrem Salija e Hristo Uzunov, avvenuto sul monte bresciano della Maddalena il 23 giugno del 2011.

Cerubini, ex carabiniere, avrebbe truffato i due macedoni, per poi indurli ad un incontro segreto con lui e altri due complici sulla Maddalena. I due complici di Cerubini sono rispettivamente in attesa della pronuncia della Corte d’Assise e in attesa dell’estradizione dalla Tunisia, mentre per l’ex militare, che ha scelto il rito abbreviato, è stato confermato l’ergastolo.
Dura condanna dunque per l’omicidio avvenuto nel giugno dello scorso anno, quanto Cerubini e i suoi due complici promisero ai due macedoni, in cambio di 400.000 euro, un finanziamento milionario per la costruzione di un centro commerciale a Skopije.
Le vittime, dopo aver versato i soldi richiesti dai tre avrebbero iniziato a sospettare della veridicità dell’accordo, tanto da cominciare a perseguitare Saravini, socio nell’operazione di Cerubini, nonché mediatore finanziario. I due macedoni vennero poi attirati nei boschi del monte della Maddalena con la scusa del chiarimento, e proprio qui furono freddati a colpi di pistola da Cerubini, che proprio per questo ha subito, almeno per ora, la condanna più grave.
Saravini rimane in attesa della pronuncia in Assise, mentre Andrea Volonghi è attualmente detenuto in Tunisia, anche se è stata fatta richiesta d’estradizione. I due imprenditori macedoni, che sarebbero entrati in contatto con Cerubini, Saravini e Volonghi, avrebbero infatti voluto realizzare un ambizioso progetto dal costo di circa 26 milioni di euro, ma dopo aver versato la cifra pattuita non si sarebbero visti riconoscere alcun finanziamento. Secondo la ricostruzione di Cerubini, sarebbe stato Volonghi a sparare, ma gli inquirenti sono arrivati a concludere diversamente.
Previsti anche alcune provvisionali per i parenti delle due vittime, rispettivamente 150mila, 100mila e 25mila euro.
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in