Attualità

Cos’è la Web Tax o Google tax

Cos’è la Web Tax o Google tax
Redazione

Ultimamente si è parlato tantissimo della nuova ed inquietante Web tax, o meglio, della Google tax, vale a dire la tasse che colpisce tutti i venditori di merci (qualunque sia il tipo di merce) online. Approvata venerdì sera dalle Camere, non sono poche le discussioni e le reazioni negative che molti hanno manifestato già da subito in primis quella dell’Unione Europea i cui rappresentanti hanno già espresso seri dubbi sulla legittimità del provvedimento.

Il neo segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, ha manifestato il proprio dissenso spiegando alle telecamere dei vari telegiornali che questa ulteriore tassa non farà altro che evidenziare questa nostra arretratezza e l’immagine di un paese che non accetta l’innovazione. Secondo Simone Crolla, consigliere delegato dell’American Chamber Of Commerce in Italy, questa tassa non farà altro che finire di danneggiare l’immagine italiana sia nell’ambito europeo sia nell’intero mercato online mondiale. E’ un danno provocato a tutte le aziende digitali straniere che, tramite il web, cercano sempre di più di avvicinarsi al mercato italiano, e a tutti i venditori e consumatori online. E’ una grande mazzata per le aziende italiane online.

Infatti, oltre all’impossibilità di importare pubblicità e quindi aumentare l’influenza italiana, o meglio, delle aziende italiane nel mondo, bisognerà considerare anche un eventuale rischio di ritorsioni che gli altri paesi potrebbero effettuare costringendo le aziende italiane ad aprire bottega in altre parti del modo riducendo così il PIL già in fase calante.

La Web Tax, se approvata, colpirà soprattutto i venditori che cercheranno di vendere i loro prodotti online con una partita iva straniera( quella preferita e più conveniente per gli italiana è quella irlandese) avendo aliquota iva più bassa rispetto a quella italiana.
Da parte loro gli ideatori del testo di legge non arretrano, anzi, rivendicano con forza il proprio intento: istituire meccanismi per tracciare i volumi realizzati dalle multinazionali in Italia.

 WEB-TAX

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità