Attualità

Concorso scuola: il 34,1% ha superato la prima prova

Concorso scuola: il 34,1% ha superato la prima prova
Fulvio Guerci

Dopo 13 anni di assenza è tornato il concorso degli insegnanti per le scuole. Tra ieri e oggi, infatti, gli aspiranti si sottoporranno ai test di selezione. I candidati alla vigilia erano 321.000 circa, per un totale di 2.520 aule informatiche messe a disposizione per poco più di 11.000 cattedre da conquistare: questi alcuni dei numeri del “concorsone“.

Per passare la prova di ieri bisognava rispondere ad almeno 35 quesiti su 50, con un tempo massimo di 50 minuti, ragion per cui un minuto a domanda.  Tutti i candidati hanno usufruito e usufruiranno di un sistema informatico con un software specifico identico a quello utilizzato in queste settimane di preparazione. I test saranno diversi l’uno dall’altro, e le domande vengono estratte da un database che ne contiene 3.500 così suddivise: 18 quesiti riguardano la comprensione del testo, altrettante metteranno in moto le capacità logiche, 7 indagano le conoscenze sulla lingua straniere e le restanti 7 si interessano delle competenze digitali.
Dopo la prova di ieri, dai primi risultati forniti dal Ministero della Pubblica Istruzione, il 34,1% degli aspiranti professori ha superato la prova preselettiva, con una percentuale che sale al 40 nelle regioni settentrionali e cala a picco nel sud (tra il 20 e il 26%). Questo è un dato che fa riflettere: stando alle parole di Giovanni Biondi, capo dipartimento del Miur, è emerso che molti candidati del meridione hanno presentato domanda al nord per la maggiore disponibilità di posti a concorrere. Certo è che al sud è in aumento il tasso di disoccupazione, e le candidature qui hanno fatto registrare dei picchi rispetto al resto d’Italia. Bondi ha poi fatto sapere che la media dei “promossi” corrisponde a quella del concorso per dirigenti, e l’assenza di difficoltà dal punto di vista tecnico fa ben sperare per il futuro.
Dando uno sguardo all’eta’ media dei candidati, essa è di 38,4 anni: circa 40 per gli uomini, 38 invece per le donne. In particolare la maggior parte dei candidati ha un’eta’ compresa tra i 36 e i 45 anni, seguiti da quelli con un’eta’ pari o inferiore ai 35 e poi quelli con un’eta’ compresa tra i 46 e i 55. Le candidature di sesso femminile raggiungono quota 258.476, mentre i restanti 62.734 appartengono all’universo maschile.
I candidati che superano la prova di preselezione sono ammessi alle successive prove scritte, suddivise per discipline che rappresentano l’oggetto di insegnamento. Stavolta le domande saranno a risposta aperta per valutare le competenze e le conoscenze di ogni singolo candidato a proposito di uno specifico ambito. Il calendario delle prove scritte sarà poi pubblicato dal Ministero nella Gazzetta Ufficiale del 15 gennaio 2013.
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità