Dal Mondo

“Ci rubi il lavoro”. Ragazzo italiano ucciso in Inghilterra

“Ci rubi il lavoro”. Ragazzo italiano ucciso in Inghilterra
Redazione

Un giovane italiano, il diciannovenne Joele Leotta, è stato ucciso domenica sera a Maidstone, capoluogo della contea inglese del Kent, che si trova a circa cinquanta chilometri da LondraIl ragazzo, insieme a un amico, è stato vittima di una feroce aggressione all’interno dell’appartamento che occupava con Alex Galbiati ed è morto in seguito alle ferite riportate.

Secondo quanto riferito da Galbiati, anche lui vittima del brutale pestaggio, il movente sarebbe da ricercarsi nel lavoro. Il branco infatti ha fatto irruzione nell’appartamento dei due italiani urlando: “Italiani di m…, venite a portarci via il lavoro!”. Joele e Alex lavoravano come camerieri in un ristorante italiano di Maidstone ed erano giunti da pochi giorni in Inghilterra dopo essere partiti dal loro paese, Nebionno, in provincia di Lecco.

I due giovani, conseguito il diploma, avevano intenzione di perfezionare il loro inglese e nello stesso tempo guadagnare qualche soldo trovando lavoro oltre Manica: un’esperienza che sempre più spesso si sceglie di fare prima di iscriversi all’università.
La polizia del Kent, dopo una brevissima indagine, ha proceduto all’arresto di nove ragazzi tra i venti e venticinque anni che avrebbero preso parte all’aggressione.

Non sono state rese note le loro generalità, ma pare che non siano di nazionalità britannica e non si esclude l’ipotesi che l’omicidio sia avvenuto a scopo di rapina o per uno scambio di persona. Intanto a Nebionno, il paese di Joele e Alex, l’intera comunità è rimasta sbigottita e addolorata di fronte alla tragedia della famiglia Leotta.

Joele-Leotta

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dal Mondo

Altro in Dal Mondo