Caso stadio Is Arenas: arrestati Cellino e il sindaco di Quartu

Caso stadio Is Arenas: arrestati Cellino e il sindaco di Quartu
Fulvio Guerci

Il presidente del Cagliari Calcio Massimo Cellino, il sindaco e l’assessore allo Sport del comune di Quartu Mauro Contini e Stefano Lilliu, sono stati arrestati questa mattina in via cautelare in seguito all’inchiesta relativa ai lavori di adeguamento degli impianti dello stadio Is Arena di Quartu, la nuova “casa” della squadra sarda.

Firmate dal gip Giampaolo Casulasu su richiesta del pm Enrico Lussu, le misure cautelari imposte ai tre fermati sono state eseguite in prima mattinata dagli uomini della polizia giudiziaria in concerto con quelli del Corpo Forestale, che all’alba hanno portato gli arrestati presso il carcere di Buoncammino con l’accusa di peculato e falso ideologico .

Cellino, Contini e Lilliu si aggiungono, per ora, alla lista delle persone già fermate dalla polizia: due dirigenti del Comune di Quartu S. Elena, Pierpaolo Gessa e Andrea Masala e (ai domiciliari) l’imprenditore Antonio Grussu.

LA VICENDA. Tutto è nato da alcuni esposti presentati alla Procura dalle associazioni ambientaliste sarde, contrarie alla realizzazione di uno stadio in un’area protetta da vincolo. Di lì l’avvio delle indagine e l’acquisizione di documenti in Comune a Quartu e in Regione Sardegna, oltre che presso la società Cagliari Calcio e la Prefettura. Dai documenti sequestrati sarebbero emerse irregolarità tra le quali anche un presunto utilizzo di soldi pubblici.

Massimo-Cellino

 

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in