Attualità

Caro-libri, per la scuola materiale sempre più costoso

Caro-libri, per la scuola materiale sempre più costoso
Redazione

A circa un mese dall’inizio del nuovo anno scolastico, puntuale si ripropone il problema del costo di libri e materiale necessario agli alunni. Se è vero che è ormai un problema quasi endemico, il suo peso sui bilanci familiari è ancora maggiore in questi periodi di crisi, con le famiglie che avrebbero perso negli ultimi anni il 13,4% di potere d’acquisto.

A ribadire l’allarme caro-libri sono Federconsumatori e Adusbef. L’Osservatorio Nazionale ha infatti stimato un aumento medio del 1,6% di spesa per i libri di testo per la scuola, e del 1,4% per il materiale scolastico di base come zaini, diari, penne o quaderni. Percentuali che si traducono in una spesa media di 484 euro a famiglia per libri e dizionari, e di circa 506 euro per il corredo scolastico, cifre calcolate effettuando una media delle spese per scuole elementari, medie e superiori.

A fornire statistiche preoccupanti è anche il Codacons, che pur rilevando un rincaro maggiore in termini percentuali rivede al ribasso le cifre assolute. Le stime dell’ente raccontano infatti di una spesa media per il corredo scolastico tra i 450 e i 490 euro, mentre per i libri di scuola una famiglia arriverebbe a spendere in media tra i 300 e i 350 euro. In una nota congiunta, il presidente di Federconsumatori Rosario Trefiletti e il suo omologo di Adusbef Elio Lannutti tornano a chiedere a governo ed Enti locali maggior agevolazioni per i meno abbienti.

In particolare, la strada maestra suggerita sarebbe quella di incentivare ulteriormente da una parte l’impiego degli e-book per soppiantare le edizioni cartacee, e dall’altra incrementare le possibilità di prestito di libri di testo da parte degli stessi istituti scolastici. Il Codacons punta invece i riflettori sulle differenze tra gli acquisti di materiale scolastico al supermercato o in cartolibreria. In quest’ultimo caso i prezzi lieviterebbero addirittura del 30%, soprattutto per acquisti influenzati da mode e marchi più diffusi, un atteggiamento che la stessa associazione sconsiglia vivamente.

libri_scuola

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità