Attualità

Berlusconi invia la lettera sulla restituzione dell’Imu, Ingroia lo denuncia

Berlusconi invia la lettera sulla restituzione dell’Imu, Ingroia lo denuncia
Fulvio Guerci

E’ stato uno dei temi centrali della campagna elettorale: la proposta shock di Silvio Berlusconi che ha sicuramente fatto guadagnare punti nei sondaggi elettorali al Popolo della Libertà, ma ha anche attirato diverse critiche. Il Cavaliere infatti aveva toccato un tasto dolente per le tasche degli italiani, quello dell’IMU, la tanto odiata imposta sulla prima casa che era costata un salasso ai cittadini proprio a ridosso delle festività natalizie.

Berlusconi, in caso di vittoria elettorale del PDL, aveva proposto non solo l’abolizione dell’impopolare tassa, ma anche la restituzione di quanto dovuto dai contribuenti nell’ultimo anno. I critici avevano rivolto verso Berlusconi dubbi, domande e perplessità riguardo come avrebbe effettivamente reperito le risorse per riuscire ad effettuare il rimborso promesso. Le polemiche sono destinate ad aumentare però, visto che il Cavaliere ha azzardato un passo in più su questa strada. All’inizio della settimana che porta proprio alle consultazioni elettorali, infatti, molti italiani si sono visti recapitare a casa una lettera avente come oggetto proprio la restituzione dell’IMU.

All’interno della missiva si spiegava come fare per ottenere l’agognato rimborso: nel testo si indicano i dettagli per riuscire a riavere i soldi indietro, ma ovviamente si tratta di un lettera con finalità di propaganda elettorale, nella quale si spiega che l’operazione avrà luogo solo in caso di vittoria del PDL. Spiegazioni non troppo chiare però, perché molte famiglie l’hanno presa come un via libera per poter ottenere la restituzione del denaro, e nei patronati nella giornata di mercoledì sono state registrate anche code con persone che brandivano la missiva richiedendo il rimborso promesso. Un’operazione che è stata come era prevedibile duramente censurata dai concorrenti politici di Berlusconi: il professor Mario Monti ha parlato esplicitamente di tentativo di corruzione, mentre il centrista Casini ha invitato a rispedire la missiva al mittente. Di sicuro, un ennesimo colpo di teatro di Berlusconi, destinato a far discutere a lungo proprio alla vigilia delle elezioni.

Ma c’è di più. Il leader di Rivoluzione Civile Antonio Ingroia, di comune accordo con il suo neo alleato Antonio Di Pietro ha voluto presentare un esposto alla Procura per valutare la sussistenza di eventuali profili penali nella lettera di rimborso. E in effetti i rischi per il Cavaliere che gli vengano attribuiti alcuni illeciti sono concreti. La “busta-truffa”, che non presenza alcun simbolo di partiti politici, avrebbe tutta l’apparenza di un “ricatto in cambio del voto” hanno fatto sapere dalla segreteria del movimento civile.

lettera_imu

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

Altro in Attualità