Politica

Berlusconi attacca i magistrati e apre al confronto tv solo con Bersani

Berlusconi attacca i magistrati e apre al confronto tv solo con Bersani
Fulvio Guerci

Berlusconi si scontra con il leader del Pd sui confronti politici in tv, mentre Bersani dal suo canto ribadisce che il confronto deve essere effettuato fra tutti i candidati premier. Il Cavaliere attacca anche i magistrati, definendoli come il cancro della democrazia.

Il leader del Pdl si dichiara favorevole al confronto politico in tv, ma soltanto tra gli unici due che hanno la possibilità di diventare premier, cioè Bersani e Berlusconi, poiché solo un dibattito del genere avrebbe senso per il popolo italiano; intanto Bersani controbatte e propone di finirla con questo balletto, perché l’incontro deve essere fatto con tutti i canditati. Anche Monti ha espresso il suo parere a riguardo ed ha sottolineato che l’opinione di Berlusconi sul confronto in tv è per lui insignificante, poiché i confronti numerosi sono sempre stati fatti, ma è risaputo che il cavaliere non ama la grande concorrenza; il leader del Pdl ha poi affermato che Monti è disperato dal momento che non riuscirà ad entrare in Parlamento a causa della bassa percentuale di voti.
Berlusconi ha una parola per tutti i suoi avversari e giunge a definire Grillo come un fenomeno da baraccone, che con il copione ben preparato riesce a svolgere dei comizi accattivanti, rubando voti ai moderati, ma all’interno di un eventuale confronto in tv non riuscirebbe a cavarsela poiché non è informato sui conti dello Stato. Per quanto riguarda la Lega, nel caso in cui quest’ultima dovesse presentare problemi dopo la vittoria alle elezioni, si potrebbero far cadere le tre regioni di Veneto, Lombardia e Piemonte. Infine, il cavaliere, accusa la magistratura italiana, il cui ruolo viene visto come una patologia, una sorta di cancro per la nostra democrazia.
berlusconi-imu
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Altro in Politica