Cronaca

Bari, conto alla rovescia per le amministrative. Il PD si prepara alle primarie

Bari, conto alla rovescia per le amministrative. Il PD si prepara alle primarie
Fulvio Guerci

All’interno del PD, poche ore dopo la pubblicazione del regolamento delle primarie, la corsa al voto si fa sempre più sfrenata. C’è chi spera nelle deroghe, chi ripone le proprie speranze in una lista di pochi parlamentari “privilegiati” esenti dalle primarie di fine dicembre e chi cerca di accumulare consensi in questo poco tempo che rimane. I nomi dei candidati ufficiali verranno fatti solo poco prima dell’apertura dei seggi e questo complica ancora di più le cose per chi si è messo in gioco.

A questo proposito, l’ attivissimo deputato barese Dario Ginefra ha espresso la sua opinione riguardo le scelte di Bersani, politico che difende e stima per aver affrontato in un momento così delicato la grave problematica legata all’ attuale legge elettorale, legge che urge modificare e contro cui il partito si sta muovendo, a livello pratico e simbolico, tramite queste primarie.  E al rischio di veder comparire ancora chi ha già ottenuto per più di 15 anni incarichi pubblici risponde con una diplomatica, ma sincera comprensione nei confronti del suo candidato premier: del resto, la situazione è più che mai complicata e riuscire a mediare e comprendere le volontà di tante teste è un’ impresa ardua, anche se lui stesso aveva chiesto ufficialmente di far passare tutti al vaglio dei cittadini che decideranno di dare un contributo all’Italia esprimendo il loro voto.
Ginefra, parla di nuove generazioni e di investimenti sulle menti più giovani e promettenti, quelle che da anni lavorano per il bene della regione e del Paese e che meritano un riconoscimento. Per quanto riguarda la situazione interna, nonostante la candidatura di Decaro metta in pericolo la possibilità di vederlo candidato come sindaco di Bari, Ginefra non se la sente di dare giudizi affrettati e preferisce concentrarsi sulle imminenti politiche. Dichiara solo che i nomi dei potenziali candidati sono davvero tanti: la quiete dopo la tempesta permetterà di comprendere meglio la situazione e di profilare quali e quanto grandi saranno i cambiamenti che aspettano a Bari, alla Puglia e all’Italia intera.
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Altro in Cronaca