Assessore milanese stappa spumante e buca un quadro del 700

Assessore milanese stappa spumante e buca un quadro del 700
Redazione

Festeggiare rovinando un quadro. È accaduto a Roberto Cassago, 71enne assessore del Nuovo Centrodestra e responsabile del personale nella Provincia di Milano. Per celebrare l’avvicinarsi delle festività natalizie in compagnia del personale dell’ente, ha stappato una bottiglia di spumante, come in tanti altri avranno fatto durante quei giorni. Solo che lui si trovava in ufficio e il tappo della bottiglia è andato a colpire una tela del Settecento.

Il tappo ha bucato il dipinto (olio su tela, 203×405 cm, che raffigura le gesta di Capellino Isimbardi) lasciando un foro non molto grande ma visibile, il quale è stato, provvisoriamente, coperto con del nastro adesivo. Ha impiegato un po’ l’autore dell’incauto gesto a farsi avanti – poiché, dice lui, non del tutto convinto che la bottiglia da cui è partito il tappo fosse la sua – e per più di un mese la sua identità è rimasta avvolta nel mistero.

Ora però Cassago ha ammesso le proprie responsabilità pubblicamente e ha annunciato che si farà carico delle spese di restauro del dipinto; penserà lui a “rifondere la cifra necessaria al ripristino”, dunque, qualora la spesa non fosse coperta dall’assicurazione. L’opera d’arte si trova a Palazzo Isimbardi, la sede distaccata della Provincia di Milano in via Vivaio, e si può dire che a Cassago, in un certo senso, sia andata pure bene: a dispetto dell’età, il valore del dipinto si può stimare in poche migliaia di euro, perché l’autore è ignoto, e poi il danno causato dal tappo è stato tutto sommato lieve.

Il foro, ha riferito in una nota la Provincia stessa, è della grandezza di pochi centimetri. Il personaggio raffigurato nel dipinto, Capellino Isimbardi, è il capostipite della famiglia a cui apparteneva il palazzo che oggi è la sede dell’Amministrazione della Provincia di Milano.

Palazzo Isimbardi

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in