Arrestato il killer maniaco di Firenze

Arrestato il killer maniaco di Firenze
Redazione

“Sono finito. Ormai non mi salva nessuno”. Sono state queste le parole con cui Riccardo Viti, 55enne di professione idraulico, ha confessato l’uccisione della prostituta romena Andreea Cristina Zamfir, trovata crocifissa a un’asta di metallo sotto un cavalcavia nella periferia del capoluogo toscano.

Era infatti lui l’uomo fermato e arrestato dalla Polizia di Firenze perché ritenuto, già nella giornata di ieri, il colpevole dell’efferato omicidio della giovane prostituta romena, episodio che aveva gettato nel panico i cittadini del capoluogo toscano.

Fin da subito gli inquirenti avevano ritenuto che fosse lo stesso uomo il colpevole degli altri episodi di violenze simili avvenuti a Firenze nel corso degli anni e secondo modalità pressochè identiche, e così si è rivelato.
Le vittime prescelte erano quasi sempre prostitute di strada, esili di corporatura e per lo più straniere. Per tutte la stessa modalità di azione testimoniate anche dalle parole delle donne che in passato hanno subìto sevizie da parte dell’uomo, ma sono sopravvissute all’azione dell’uomo.

Polizia e Carabinieri, in attesa dei riscontri della scientifica che dovranno dare responso sulle tracce di Dna e di dati biologici ritrovati sia sul luogo dell’ultimo episodio come su quelli dei precedenti, sono già riusciti ad ottenere la confessione Viti, già ribattezzato “la Bestia”.

Firenze

Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altro in