Arte

A Firenze la mostra su Valentina a 10 anni dalla morte di Crepax

A Firenze la mostra su Valentina a 10 anni dalla morte di Crepax
Fulvio Guerci

Il 31 luglio si celebreranno dieci dalla morte di Guido Crepax ma il ricordo continua a vivere negli appassionati di fumetti grazie al suo personaggio più famoso: Valentina.

All’intraprendente fotografa dal caschetto corvino, a Firenze, la raffinata Galleria-Libreria d’Arte Babele dedica una mostra che resterà aperta sino a fine marzo intitolata “Guido Crepax in arte… Valentina”, curata da Laura Accordi.
L’evento è di quelli ghiotti per gli amanti del genere perché si potranno ammirare 22 tavole originali, realizzate a inchiostro di china, e 6 litografie tratte dal libro “In arte… Valentina” (2001, Lizard Edizioni).
Crepax amava trasmettere a Valentina le sue passioni: nel caso della letteratura la inseriva nelle versioni a fumetti dei suoi romanzi preferiti; nel caso della pittura la collocava in visita agli atelier di artisti quali Moore e Kandinsky con cui lei si soffermava a conversare amabilmente. Per chiudere il quadro d’insieme in cui si muove la nostra eroina, non dimentichiamo che il suo compagno si chiama Philip Rembrandt e di professione fa il critico d’arte. In base a queste premesse, non deve essere stato difficile per la curatrice scegliere tavole originali in cui Valentina, oltre che alle prese con pittori di prima grandezza, si muove elegantemente tra un vernissage ed una festa organizzata da una galleria d’arte.
Ogni disegno è realizzato con estrema cura, prestando attenzione a inserire la protagonista in ambienti realistici, rispecchiando la moda e il design del periodo: scorrendo le tavole, il visitatore vede sfilare sotto i propri occhi i cambiamenti dello stile italiano nel corso degli anni.
Chicca della mostra sono però le due tavole originali dell’allestimento di Salomé di Oscar Wilde andato in scena a Milano nel 2000.
Questo patrimonio cartaceo, visibile in occasione di esposizioni e di iniziative editoriali, è custodito ed amministrato dall’Archivio Crepax, ente fortemente voluto dalla famiglia dell’autore, che ha iniziato la sua attività nel 2004 forte dell’interesse dei fan storici e dell’entusiasmo del pubblico più giovane.

La mostra resta aperta sino al 30 marzo
Galleria-Libreria d’Arte Babele
via delle Belle Donne 41/r – Firenze

Valentina-Crepax
Commenta la notizia

Commenta la notizia

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Arte

Altro in Arte